Alcool come antitarlo, funziona? I pro e contro del metodo fai da te

12152
views

Tarli e tarme cagionano fori e buchi ai mobili in legno? Come correre ai ripari? Ci sono diversi trattamenti antitarlo cui si può fare ricorso per cercare di debellare definitivamente i coleotteri che usurano e degradano il legname dei mobili.

I restauratori sono i professionisti più ambiti sul mercato in quanto sono i veri esperti del legno in grado di offrire il proprio supporto nell’eseguire il trattamento antitarlo a base di permetrina, con microonde, con anidride carbonica e a vuoto.

Diversi sono i trattamenti antitarlo e diversa è l’efficacia dei risultati conseguibili: in questa guida cerchiamo di descrivere e focalizzare l’attenzione su come eliminare i coleotteri con il metodo del restauro “fai da te”.

Il trattamento antitarlo con alcool può essere una valida ed efficace operazione per eliminare i parassiti che “divorano” e creano gallerie profonde all’interno dei rivestimenti e strutture lignee dei mobili.

Come eliminare i tarli dai mobili: metodo “fai da te”

Metodo “fai da te”? Veloce e risparmio garantito: la prima cosa da fare è procurarsi tutto l’occorrente per procedere con la disinfestazione con antitarlo chimico che si può acquistare nei colorifici o nei negozi specializzati. Occorre utilizzare una siringa che inietti il liquido nei fori praticati dai tarli e si richiudano con apposita cera.

Il metodo dell’iniezione nella struttura lignea è sicuramente adatto nei casi in cui i mobili non siano troppo infestati di parassiti in quanto non raggiungerebbe i risultati auspicati.

Nei casi in cui i mobili mostrano meno fori e “buchi” praticati dai tarli, si può procedere con le iniezioni di alcol denaturato che deve essere applicato foro per foro, in modo tale da avvelenare il legno e renderlo un habitat meno vivibile da parte dei oarassiti e di tutti i coleotteri.

Nei casi gravi, l’alternativa ed il valido trattamento antitarlo è quello della “camera a gas” con ricorso di alcool denaturato: in questo caso occorre avvolgere tutto il manufatto ligneo con nylon o teli di cellophane in modo tale da creare una vera e propria “camera a gas”.

Trattamento con “camera a gas” con alcool: come fare

Ecco come eseguire il trattamento antitarlo “camera a gas” con alcool denaturato:

  • acquistare e procurarsi alcool denaturato, canfora in pezzi, fogli di plastica trasparenti, nastro adesivo da imballaggio,
  • prendere un bicchiere di vetro, mettere la canfora e versare l’alcool,
  • porre il bicchiere sotto al mobile,
  • chiudete ermeticamente il mobile con il nylon aiutandosi con il nastro da imballaggio per sigillarlo,
  • lasciare il mobile in luogo areato per almeno 20 giorni.

Durante i 20 giorni di “camera a gas” l’alcool denaturato scioglierà la canfora, il quale evaporando emanerà gas venefici in grado di debellare i tarli.

Si tratta di un trattamento antitarlo non invasivo per i mobili e può essere utilizzato per ogni tipologia di legno (anche quelli più resistenti). Per avere un effetto ancora più “velenoso” si può procedere con lo “spennellare” i mobili con antitarlo chimico e sigillarli con alcool denaturato e canfora.

Trattamento antitarlo “fai da te” con alcool: varianti

Oltre a quelli sopra riportati, esistono diverse “varianti” rispetto al tradizionale ed artigianale trattamento antitarlo “fai da te” con alcool denaturato:

  • utilizzo di spicchi d’aglio da inserire all’interno dei fori,
  • utilizzo di nafta, petrolio e tutti i derivati che assolvono ad una funzione di “veleno”,
  • utilizzo di ammoniaca.

Svantaggi del trattamento antitarlo con alcool

Questi trattamenti antitarlo che ricorrono all’utilizzo di prodotti chimici sono altamente tossici e possono cagionare danni all’ambiente; per questo è bene eseguirli in zone isolate e non frequentate.

Inoltre, trattandosi di sostanze chimiche i danni cagionati alle strutture lignee possono essere di diverse entità: la vernice o la colorazione del legno può subire alterazioni e “sbiadimenti” evidenti. Nulla toglie che dopo il trattamento antitarlo con alcool si possa riverniciare e colorare la struttura lignea.

Articolo precedenteAntitarlo Xylamon
Prossimo articoloAntitarlo Permetar
CONDIVIDI